English


• ITALIANO •


Español

Suonando il Broadwood alla Fenton House di Londra Suonando il Ruckers-Taskin del Conservatorio di Parigi Suonando l'organo barocco della Cattedrale di Buenos Aires Suonando il cembalo Hubbard-Di Veroli in Irlanda Suonando il cembalo Goermans della Russell Collection in Edimburgo

Claudio Di Veroli

clavicembalo & organo

Biografia

Claudio Di Veroli è italiano, nato a Buenos Aires, Argentina, dove si è diplomato al Liceo Italiano. Ha studiato con un gruppo di musicisti e musicologi europei tra cui Ernesto Epstein (pianoforte e interpretazione), Erwin Leuchter (armonia) e Ljerko Spiller (musica da camera). Agli inizi degli anni '70 si trasferisce in Europa dove assimila gli insegnamenti di Colin Tilney a Londra e Hubert Bédard a Parigi. Viene autorizzato a suonare di frequente gli antichi strumenti a tastiera della Fenton House (Londra) e del Museo Strumentale del Conservatorio di Parigi (oggi Musée de la Musique a La Villette). Conseguito il Dottorato in Statistica Matematica dell'Imperial College di Londra, fa ritorno a Buenos Aires, dove è tra i fondatori del Gruppo Telemann di Musica da Camera ed è pioniere nell'introdurre l'interpretazione filologica della musica barocca per la tastiera.

Adotta i temperamenti antichi ed è il primo cembalista a adoperare le diteggiature barocche in tutti i pezzi eseguiti nei suoi recital. Compie ricerche sull'interpretazione del barocco francese, diteggiature antiche per la tastiera e temperamenti inequabili, servendosi dei più aggiornati strumenti scientifici e tecnologici. I suoi lavori, apprezzati per iscritto da celebri musicisti e musicologi tra cui Gustav Leonhardt (la sua lettera è riprodotta qui a destra), Igor Kipnis, John Barnes e Patrizio Barbieri, comprendono quattro monografie che hanno ricevuto recensioni favorevoli (su accordatura e temperamenti, diteggiature barocche e interpretazione della musica barocca), tre edizioni di musica per clavicembalo con diteggiature barocche, e molti articoli comparsi su varie testate, i più recenti su Harpsichord & fortepiano in Inghilterra.

Considerato tra i primi cembalisti e specialisti in interpretazione della musica barocca nel Sud America, è stato Professore di Clavicembalo ed esaminatore di Organo nel Conservatorio Nazionale di Buenos Aires. Tra i suoi più recenti corsi di insegnamento vanno annoverati interventi e masterclasses in Uruguay, Argentina, Irlanda e al Conservatorio Statale “Giuseppe Verdi” di Torino.

Come solista—principalmente di cembalo ma anche di organo—ha suonato in sale da concerti, chiese, radio e televisione, da solo e con ensembles, meritando il vivo apprezzamento di importanti testate giornalistiche e specialistiche. Il suo ultimo concerto pubblico prima di lasciare l'Argentina è stato il recital di chiusura del Ciclo 2000 sull'Organo Barocco della Cattedrale di Buenos Aires. Nel 2001 si è trasferito in Irlanda, dove è direttore musicale di Bray Baroque. Nei suoi concerti più recenti ha suonato il suo clavicembalo Hubbard a due tastiere su modello di Taskin. Dal 2014 svolge la sua attività musicale a Lucca in Toscana.